Ultra Violet eletto colore del 2018 da Pantone

Come ogni anno il Pantone Color Institute detta le linee guida in fatto di colore per quanto riguarda l’intero mondo della creatività. Moda, ma anche arredamento, design, grafica, marketing. Il 2018 avrà una sfumatura intensa, immaginifica, provocante: Ultra Violet. La luce ultra violetta invaderà l’anno a venire con la sua estetica visionaria e celestiale. Magica.

Ultra Violet, il futuro è viola

Un viola intenso e luminoso. Teatrale, drammatico. E allo stesso tempo profondo. Evoca l’universo, gli orizzonti infiniti, i misteri del cosmo. Odora di futuro, di scoperta, di intrigo. Un cielo extraterrestre. Enigmatico come pochi colori, il viola ha una storia importante: associato al misticismo, alla spiritualità sin da tempi molto antichi e in diverse culture. E’ divenuto emblema della controcultura e del non-convenzionale in tempi recenti. Pensiamo a icone della musica (e della fluidità di genere) come Prince o David Bowie. Ma anche all’anticonformismo di Jimi Hendrix. Forse perché è una nuance carica di emozione, profonda, che, in un senso o nell’altro, invita a guardare oltre. Lo ha amato Lady Diana, che lo ha sfoggiato in molte occasioni. E lo apprezza Kate Middleton. Ma anche Michelle Obama. E una lunga schiera di attrici.

Laurie Pressman, vicepresidente del Pantone Color Insitute, afferma che è proprio Ultra Violet che serve oggigiorno. Un colore che faccia riflettere, e allo stesso tempo sognare. Il compito del design, della moda, dell’arte è proprio ispirare, invitare a riflettere. Viviamo in un momento in cui c’è bisogno di immaginazione, di creatività e di raggiungimento di una consapevolezza superiore. Ecco perché Pantone ha deciso di promuovere questo magnetico, magico viola. Che, d’altronde, gli stilisti avevano già dimostrato di apprezzare nelle ultime sfilate. Da Alberta Ferretti a Gucci, passando per Moschino e Prada, in molti avevano ‘predetto’ l’avvento di una luce ultravioletta. Che difatti è stato eletto tra i colori fashion dell’anno presente e di quello a venire.

Condividi la tua opinione